Gli a-mici speciali

 

Ci sono gatti ospiti speciali, nella nostra sede. Gatti che hanno patologie croniche oppure considerati ingiustamente inadottabili perché affetti da handicap di vario tipo generati dall’eredità della loro vita randagia.

Per chi – come noi volontari – crede che l’handicap, qualunque esso sia, non rende diversi dagli altri e sta pensando ad un’adozione che renderà le loro vite veramente speciali… ci sono i mici diversamente felini.

È possibile ricorrere all’adozione a distanza con il versamento mensile di un offerta libera:

  • sui nostri canali tradizionali (bonifico, paypal, conto corrente postale),
  • oppure sul portale Wishraiser, che gestisce minime offerte periodiche e vi dà l’opportunità di partecipare anche all’estrazione di interessanti premi.

Trovate tutte le istruzioni a questo link.

…e ricordate che possiamo fare molto per loro, anche grazie a Voi.

 

 

wishraiser-telefono_difesa_animali

 

 

 

I nostri ospiti

 

 

 

 

 

Alcune delle loro storie…

 

Nyla

ospite in gattile dal 2019

Nyla, senza denti per via di una infiammazione non curata a suo tempo, è rimasta con una faucite cronica. In gattile è soprannominata con affetto “Linguina”.

Grazie al vostro generoso contributo nella raccolta fondi, abbiamo potuto sostenere il costo dell’operazione per rimuovere gli ultimi denti (ormai marci).

Melania

 Età 5 anni – Ospite in gattile dal dicembre 2017

Una gatta randagia che meritava una opportunità, seppure dal carattere molto ansioso e schivo. Lei è esattamente quello che ci si aspetta dal clichè del gatto silenzioso, appartatato, discreto e poco invadente. Ma per contro la bellezza del suo muso cosi affascinante compensa e valorizza questa gatta giovane, vaccinata, sterilizzata, microchippata e di buona salute.

Lady Cocca

Gatta anziana – In gattile dal 2016

Prima ancora che la gatta, ci viene segnalato che in zona Mompiano, fuori da un negozio ormai definitivamente chiuso, ci sono almeno una decina di ciotole messe da altrettante persone che occasionalmente lasciano cibo per una gatta comparsa in zona, che mangia sulla soglia della serranda e si ripara  sul lato opposto, attraversando continuamente la strada. Non sappiamo nient’altro di questa gatta che sembra comparsa dal nulla, ma sicuramente è anziana e va messa in sicurezza visto il contesto del continuo attraversamento stradale. In sede abbiamo dovuto metterla in stanza con i gatti giovani, che hanno capito subito quanta scarsa tolleranza abbia alla convivenza: per contro non li aggredisce purché venga lasciata dormire nel luogo dove ha deciso di prendere residenza ossia vicino alla porta della stanza. Per il carattere e l’età sarebbe un’ottima compagna da pensionato.


Barbie

Gatta selvatica – tripode a seguito amputazione per investimento – età stimata: 5 anni – Ospite in gattile dal marzo 2017

Arriva da una colonia della zona Industriale di Brescia questa gatta con una storia complessa alle sue spalle. Nel 2013 quando viene sterilizzata da ATS (la gatta è molto selvatica e all’epoca anche incinta) il veterinario scopre una brutta frattura su una zampa posteriore, dovuta presumibilmente a investimento. La gatta viene sedata: si procede alla sterilizzazione ma anche all’accorciamento di una parte dell’osso che ha già bucato la pelle esternamente. Si decide che resterà zoppa ma con le 4 zampe e successivamente viene liberata nel suo territorio. Nel 2017 (a 4 anni dall’operazione originaria) la gatta manifesta i chiari sintomi di un dolore persistente nella zona posteriore che si lecca compulsivamente al punto di strapparsi il pelo. Ad una osservazione più attenta, la gattara si accorge che la zampa posteriore non viene più appoggiata e sembra essere nuovamente rotta. La gatta nel corso degli anni ha scelto come riparo una nicchia molto piccola che le dava sicurezza, ma probabilmente aveva fatto da concausa alla nuova rottura dell’arto. Dopo un appostamento durato quasi un mese (la gatta è molto scaltra, in preda al dolore) finalmente riusciamo a ricatturarla per curarla, ma l’operazione di riposizionamento dell’osso non riesce e il veterinario suggerisce l’amputazione definitiva. Dopo una attenta e approfondita discussione tra i volontari si decide che con 3 zampe e a ridosso della stessa strada dove era stata investita, ci sarebbero alte probabilità per la gatta di essere nuovamente investita nuovamente. Barbie (così è stata chiamata in onore alla sua gattara di nome Barbara) viene ospitata definitivamente in sede. E’ selvatica con le persone ma altamente gregaria con gli altri gatti e dunque la convivenza numerosa non le pesa, come pure l’essere handicappata: l’abbiamo vista scalare il tiragraffi fino a 2 metri di altezza da terra. Per lei è possibile solo una adozione a distanza.

Simpa

Vescica bloccata per esiti di trauma – Età stimata: tre anni – Ospite in gattile dal 14 febbraio 2015

Simpa, micio trovato investito da un’auto che gli ha rotto l’osso del bacino. Ora la parte ortopedica è completamente riacquisita, ma questo bellissimo micio bianco buono e miagoloso è rimasto con la vescica paralizzata, e necessita di una semplice manovra per farlo urinare qualche volta al giorno. Non è assolutamente incontinente, mentre per le feci è completamente autonomo. Ci sono possibilità di ulteriori miglioramenti per quanto riguarda la sua autonomia in lettiera, e noi facciamo del nostro meglio perchè accada.

Dania

Spalla a lussazione cronica – Età: 6 anni – Ospite in gattile dal 22 giugno 2012

Dania soffre di un disturbo che capita a volte anche in umana. I tendini della sua spalla sono deboli e sfilacciati e per lei basta un salto un po’ più impegnativo perchè le ossa della spalla escano dalla sede. Sappiamo che i gatti sono degli acrobati fantastici e possono compiere balzi atletici anche in vecchiaia, ma nel caso di Dania – che pure è un gatto giovane – non è così. Ciò che le complica la vita è che ha un carattere schivo, quindi quando viene avvicinata la sua tendenza è ad allontanarsi o saltare per uscire di scena, esponendola al rischio di lussazione. Dunque ora ci limitiamo a controllare da lontano che sia tutto a posto, per evitare di doverle immobilizzare a bendaggio la spalla come è già capitato almeno un paio di volte. Consigliata come gatto per persone anziane e che cercano un gatto discreto e non invadente.


Regina

Età: undici anni

Regina (di cuori). Lei è con noi per confermare che il nero è solo un colore timido, ma di bellezza profonda ancora tutta da scoprire. Vietato cambiarle il nome: lei risponde solo a quello. Come le vere Regine. E come le vere regine non può stare da sola. Per lei chiediamo un’adozione esclusivamente a distanza: abbiamo tentato un’adozione singola ma Regina è diventata anoressica, mentre tornando tra gatti conosciuti ha ripreso regolarmente ad alimentarsi. Il gattile, purtroppo, sarà la sua ultima dimora…